Cookies

Questo sito internet utilizza dei cookie di profilazione e di parti terze per inviarti dei messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze ed abitudini.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo di tutti od alcuni dei cookie presenti sul sito clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante a questo banner acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Prenota ora

Grazie per il tuo interesse. Ti preghiamo di compilare il modulo di richiesta prenotazione sottostante.

La Tenuta Agricola
e i suoi prodotti

La Tenuta si estende in un’area collinare al confine tra le province di Pisa e Firenze, in uno scenario unico e incontaminato, caratterizzato dal mite clima mediterraneo. L’ampia superficie boschiva, di circa 350 ettari, ricade quasi completamente all’interno dell’Area Naturalistica Protetta del Torrente Carfalo, nota per la faggeta relitta e la presenza della salamandrina dagli occhiali, in cui trovano dimora anche molte altre specie animali e vegetali di grande interesse ambientale.

La produzione agricola della Tenuta consiste solo nella coltivazione di prodotti di alta qualità ed è praticata nel rispetto dell’ambiente e del mantenimento del paesaggio naturale.

Vigneti, uliveti e seminativi si trovano distribuiti non solo prevalentemente secondo l’antica maglia agraria della zona, ma sono anche oggetto di nuovi investimenti. Degli oltre 20 ettari di vigneti, 10 sono stati impiantati a partire dal 2012, e comprendono i vitigni Sangiovese (80% circa), Merlot, Cabernet Sauvignon, Syrah, Alicante, Vermentino e Viognier.

Di recente impianto sono anche circa 2.600 ulivi delle varietà Frantoio, Leccino, Leccio del Corno e Pendolino, gestiti secondo criteri moderni che, insieme agli oltre 8.000 ulivi tradizionali, costituiscono il patrimonio olivicolo della Tenuta. Quasi tutta la superficie olivata è certificata biologica da luglio 2014, mentre le altre colture lo diverranno dall’autunno 2016. I seminativi occupano circa 250 ettari e sono destinati principalmente alla produzione di cereali, di foraggi e di leguminose. Stiamo attuando, attraverso la collaborazione con la Scuola Superiore S. Anna di Pisa, una sperimentazione triennale volta alla produzione di biomasse. Inoltre partecipiamo a un progetto di ricerca della Regione Toscana sull’olio e i suoi sottoprodotti coordinato dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali dell’Università di Pisa.

I nostri vini

Le vigne della Tenuta di Castelfalfi sono coltivate in modo da ottenere la migliore qualità del prodotto con il minimo impatto ambientale. Le sei etichette prodotte - San Piero IGT, Cerchiaia DOCG, Cerchiaia Riserva DOCG, Poggionero IGT, Poggio alla Fame IGT e Poggio i Soli IGT - sono il risultato dell'impegno dei nostri viticoltori.

La ricchezza e la varietà delle materie prime rendono impareggiabile l’offerta enogastronomica di Castelfalfi.

È possibile assaggiare e acquistare i nostri vini presso la Winery dell'azienda agricola.

I nostri oli

Il Frantoio di Castelfalfi è una realtà di fondamentale importanza per la nostra Azienda Agricola e per il territorio circostante. Nel nostro frantoio, infatti, frangono le proprie olive circa 400 clienti esterni, tra piccoli proprietari e aziende agricole.

Dal 2016, le nostre produzioni e coltivazioni sono esclusivamente biologiche.

Dal 2013 effettuiamo anche moliture per i clienti che già coltivano biologico. La crescente richiesta di questo servizio da parte di terzi certifica la qualità del nostro lavoro e ci ha spinti a migliorare ulteriormente le strutture e i processi di lavorazione. Grazie ad alcuni investimenti realizzati nel settembre del 2013, abbiamo incrementato la quantità e la qualità dell’olio prodotto, anche con l’ausilio della nuova linea di estrazione a freddo. Questo è un punto fondamentale del programma di conversione che ci ha portato, nel 2016, a produzioni e coltivazioni esclusivamente biologiche.

Per informazioni e prenotazioni: winery@castelfalfi.it

Il nostro farro

La produzione di farro perlato della Tenuta si estende su circa 50 ettari di terreno ed è di circa 1.000 quintali annui. Data la conversione al biologico su tutte le aree agricole, il farro diventa una produzione ideale: non necessita dell’utilizzo di antiparassitari né di concime. Ogni anno vengono, infatti, individuate nuove zone per la semina, scegliendo i terreni che sono stati “a riposo” durante l’anno precedente. La semina avviene nel mese di novembre e la raccolta durante il mese di luglio.

Il farro è la produzione biologica ideale in quanto non necessita di concimi e di antiparassitari.

La produzione della Tenuta di farro perlato artigianalmente è di circa 1.000 quintali annui.

Richiedi Informazioni

Compila il modulo sottostante, ti risponderemo prima possibile.

I campi obbligatori sono contrassegnati con un *, si prega di inserire un indirizzo email valido.
up