Cookies

Vi informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo Sito, la Tenuta di Castelfalfi S.p.A. in qualità di Titolare del trattamento, utilizza dei cookies. La Stessa impiega diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione e cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina Informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.
Cliccando su "Accetto" o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell'Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. – ed artt 13-14 del REG UE 679/16 Clicca qui per maggiori informazioni.

Prenota ora

Grazie per il tuo interesse. Ti preghiamo di compilare il modulo di richiesta prenotazione sottostante.

La riserva
​di caccia

Situata tra le colline della Toscana centrale, in un ambiente incontaminato ricco di storia, arte e cultura, l’Azienda Agrituristica Venatoria di Castelfalfi rappresenta una vera e propria sfida per i cacciatori. In più, la riserva dispone di zone adibite all’addestramento di cani da ferma e di due recinti per l’allenamento di cani da seguita su cinghiale.

La riserva di caccia, che si estende per circa 600 ettari, offre la possibilità di mettere alla prova le proprie capacità su un territorio diversificato in cui gli animali sono liberi e spesso rintanati nei loro nascondigli naturali.

Caccia ungulati


L’azienda Agrituristico Venatoria di Castelfalfi dispone di recinti per la caccia agli ungulati per una superficie complessiva di 250 ettari.

L’ambiente tipico collinare, con boschi di cerro e leccio intervallati da spazi aperti a prato e pascolo, contribuisce a rendere ancora più suggestiva l’attesa del selvatico.

Da settembre a metà marzo si organizzano battute al cinghiale all’interno di due recinti di caccia. Un recinto di 10 ettari ideale per le piccole battute, da un minimo di 5 a un massimo di 13 partecipanti, e un recinto grande di 60 ettari adatto alle grandi battute, da un minimo di 17 a un massimo di 30 partecipanti, in cui è possibile dare spazio a intere mute di cani grazie all’estensione e alla diversificazione ambientale del recinto.

Inoltre, all’interno di un recinto di 100 ettari è possibile misurarsi con la caccia agli ungulati all’aspetto da altana o alla cerca, dando la possibilità ai cacciatori più esperti di mettersi alla prova con tiri fino a 300 metri.

Caccia stanziale


L’azienda Agrituristica Venatoria di Castelfalfi dispone di un’area di 350 ettari suddivisa in cinque zone per la caccia alla fauna stanziale: fagiano, starna, pernice e quaglia. E, grazie alla presenza di due magnifici laghi all’interno della riserva, è possibile organizzare anche la caccia al germano.

L’ampiezza delle superfici permette al cacciatore di usufruire della propria zona di caccia in pieno relax, ma per ogni area è obbligatoria la presenza di almeno tre cacciatori con l’immissione di tre capi a testa.

Nella riserva c’è un posto incantato dove la natura e le tradizioni sono rimaste quelle di una volta: il Casale Falecine: in questa splendida casa di caccia i cacciatori possono respirare il fascino di un tempo, riposarsi e pranzare dopo le battute.

Area addestramento cani


Al termine della stagione venatoria è, inoltre, possibile cacciare fagiani, starne, pernici e quaglie con il cane da ferma all’interno dell’area addestramento cani con sparo.

Disponiamo. Infatti. di zone adibite per l’addestramento di cani da ferma, con o senza sparo, e di due recinti per l’allenamento di cani da seguita su cinghiale: un recinto grande di 60 ettari, in cui possono entrare sei cani per turno ,e un recinto piccolo di 10 ettari, in cui sono ammessi al massimo tre cani per turno.

L’azienda può mettere a disposizione, su richiesta dei propri clienti, addestratori specializzati iscritti all’albo ENCI, per piccoli consigli, la correzione di piccoli difetti o per l’addestramento vero e proprio.